Notti selvagge – Notti selvagge!

J249 (1861) / F269 (1861)
(Emily Dickinson Amherst, USA 10/12/1830 – Amherst, USA 15/5/1886)

Notti selvagge – Notti selvagge!
Fossi io con te
Notti selvagge sarebbero
La nostra voluttà!

Futili – i venti –
Per un Cuore in porto –
Via il Compasso –
Via la Mappa!

Vogare nell’Eden –
Ah, il Mare!
Potessi soltanto ormeggiare – stanotte –
In te!

Della stessa autrice:
Com’è felice la Pietruzza…I mattini sono più miti di com’erano…I Sogni sono l’elusiva Dote…Il mio Nemico sta invecchiando…Il Passato è una così curiosa Creatura…Il tempo passa…Incapaci sono gli Amati di morire…Io credo che la vita per chi osa tentare…L’acqua, è insegnata dalla sete…L’amore ci sta stretto, come altre cose…La Mente vive del Cuore…Non bisogna essere una camera…Non c’è Vascello che eguagli un Libro…Quando la Notte è quasi conclusa…Sa come dimenticare…Se la mia barca sprofondò nel mare…Se potrò bloccare un Cuore dallo spezzarsi…Se tu venissi in Autunno…Temo un Uomo dall’Eloquio frugale…Tra la forma della Vita e la Vita…Un po’ di Follia in Primavera…Una parola è morta, quando è detta…Vederla è un Quadro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *