Maggio

Maggio
(
Giorgio Caproni Livorno 7/1/1912 – Roma 22/1/1990)

Al bel tempo di maggio le serate
si fanno lunghe; e all’odore del fieno
che la strada, dal fondo, scalda in pieno
lume di luna, le allegre cantate
dall’osterie lontane, e le risate
dei giovani in amore, ad un sereno
spazio aprono porte e petto. Ameno
mese di maggio! E come alle folate
calde dall’erba risollevi i prati
ilari di chiarore, alle briose
tue arie, sopra i volti illuminati
a nuovo, una speranza di grandiose
notti più umane scalda i delicati
occhi, ed il sangue, alle giovani spose.

(Da: Finzioni, 1939)

Dello stesso autore:
AlbaCongedo del viaggiatore cerimoniosoDietro i vetriFurtoIl mare brucia le maschere…IncontroLitanìaLo stravoltoMarzoMio nome avvicinatiPensiero pioPer leiPerchè restarePreghieraPreghiera d’esortazione o di incoraggiamentoSei ricordo d’estateSotto le stelleVersicoli quasi ecologici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *