Dint’ ‘o ciardino

Dint’ ‘o ciardino
(Salvatore Di Giacomo Napoli, 12/3/1860 – Napoli, 5/4/1934)

‘A vi’ llà, vestuta rosa
e assettata a nu sedile,
risciatanno st’addurosa
e liggiera aria d’abbrile,

cu nu libbro apierto nzino,
cu nu vraccio abbandunato,
sott’ ‘o piede ‘e mandarino,
sola sola Emilia sta.

C’aggia fa’? M’accosto? (E quase
arrivato lle so’ ncuollo…)
Core mio! Cu quanta vase
te vulesse salutà!

Nun me vede, nun me sente,
legge, legge, e nun se move:
e io ncantato ‘a tengo mente
cammenanno ncopp’ a ll’ove…

Ah!… s’avota!… – Emì… che liegge?
– Tu ccà stive?… E ‘a dó si’ asciuto?
– M’accustavo liegge liegge…
– Pe fa’ che? – Pe t’abbraccià!

– Statte!… – Siente… – (e ‘o libbro nterra
cade apierto…) Essa se scanza,
se vo’ sósere, mm’afferra,
rire e strilla: – Uh! no! no! no!… –

Na lacerta s’è fermata
e ce guarda a tutte e dduie.
Se sarrà scandalizzata,
sbatte ‘a coda e se ne fuie….

(Da: Ariette e sunette)

Traduzione di P. P. Pasolini:

Dentro il giardino

La vedi là; vestita di rosa
e seduta su una panchina
respirando guesta odorosa
e leggera aria d’aprile,

con un libro aperto grembo,
con un braccio abbandonato,
sotto l’albero di mandarino,
sola sola Emilia sta.

Che devo fare? M’avvicino? (E quasi
le sono addsso…)
Cuore mio! Con quanti baci
ti vorrei salutare!

Non mi vede, non mi sente,
legge, legge e non si muove;
e io incantato la contemplo
camminando in punta di piedi…

Ah!… si volta!… – Emilia… che leggi?
– Tu stavi qui?… E da dove sei uscito?
– Mi avvicinavo leggero leggero…
– Per far che?… – Per abbracciarti!

– Fermo!… – Senti… – (E il libro cade a terra
aperto …) Essa si schermisce,
vuole alzarsi, m’afferra,
ride e grida: – Uh! no! no! no!… / –

Una lucertola s’è fermata
e ci guarda tutti e due.
Si sarà scandalizzata,
sbatte la coda e se ne fugge…

Dello stesso autore:
Catarì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *