Ti ho accarezzato il vetro

Ti ho accarezzato il vetro
(Alessandro Brusa n. ad Imola, BO nel 1972)

Ti ho accarezzato il vetro
nel giorno più freddo,
era per dire buongiorno
era per dire esisto anche nel
ghiaccio, anche in questo
incrocio di strade in
questo cielo sbiancato

e tu hai pensato
cazzo! ho solo cinquanta euro
hai pensato cristo! cinquanta
euro sono troppi, ad uno che
mi pulisce il vetro non
posso chiedere il resto!

ed hai ragione,
cinquanta euro sono troppi,
neppure io me li sarei dati:
domani potrei non esserci più
e di questi tempi è un peccato
sprecare cinquanta euro.

Una risposta a “Ti ho accarezzato il vetro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *