Mano nell’ingranaggio

Mano nell’ingranaggio
(Ada Negri Lodi 3/2/1870 – Milano 11/1/1945)

Rôtan le cinghie, stridono le macchine;
Indefessi ne l’opre, allegri canti
Vociano i lavoranti.

Ma un dissennato grido a un tratto levasi;
E pare lacerante urlo di belva
Ferita in una selva.

Fra i denti acuti un ingranaggio portasi
– Povera donna bionda e mutilata!… –
Una mano troncata.

…Rôtan le cinghie, stridono le macchine;
Ma le ruvide voci i lavoranti
Più non sciolgono ai canti.

Stillan, confuse col sudor, le lacrime;
Da lontano rombando, la motrice
Cupe leggende dice.

E senza tregua appare agli occhi torbidi
– Povera donna bionda e mutilata!… –
Quella mano troncata.

Della stessa autrice:
Cade la neve
Fine
Fontana di luce
Il dono
Il sole e l’ombra
Lettere
Pensiero d’Aprile
Ritorno per un dolce Natale
Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *