Trentuno dicembre

Trentuno dicembre
(Erri De Luca n. a Napoli il 20/5/1950)

Lascio il sudore starsene seccato sulla pelle
non mi lavo, quest’ultimo dell’anno.
Va bene sulla fronte la mano che fa attrito sul sale,
stropiccia rughe e cala sopra gli occhi.
Aspettavo qualcuno per stasera? Non ricordo,
a lavarmi rinuncio, l’ultimo dell’anno
l’acqua del pozzo è fredda più delle altre giornate.
Se veniva era un’occasione per lavarsi,
andare alla stazione e ritornare in due.
Non andrò alla stazione, a vuoto, neanche per vedere
chi arriva stanotte e per chi.
Fuori stanno bruciando le micce della festa.
Mi è rimasto il sudore e il pensiero di qualcuna
che doveva arrivare per volermi.
Spengo il lume, concludo: mi basta che non sia
la polizia.
E poi domani questo sarà ieri.

(Da: Solo andata, 2014)

Dello stesso autore: DueErri De Luca racconta l’immigrazione dal cimitero di LampedusaFigli dell’orizzonte
Il potere dichiara…IstanbulMare nostroNaufragiProntuario per il brindisi di capodannoSei vociTempo di pedoniValore


bambini onduregni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *