Dal giardino

Dal giardino
(Anne Sexton Newton, Massachusetts, USA 9/11/1928 – Weston, Massachusetts, USA 4/10/1974 – Premio Pulitzer per la poesia 1967)

Vieni, amore mio,
considera i gigli.
Abbiamo poca fede.
Parliamo troppo.
Svuota la tua bocca piena di parole
e vieni con me a guardare
i gigli dischiusi nel campo,
crescono lì come velieri,
che lenti governano i loro petali
senza infermiere senza orologi.
Consideriamo lo spettacolo:
una casa dove nubi bianche
decorano le sale fangose.
Oh, svuòtati delle buone
e cattive parole. Sputa fuori
le parole come pietre!
Vieni qui! Vieni qui!
Vieni a mangiare i miei gustosi frutti.

Della stessa autrice:
Al mio amante che torna da sua moglie
Ballata della masturbatrice solitaria
Il bacio
La casalinga
La terra
Magia nera
Ragazza ignota in reparto maternità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti