Le ninfee

Le ninfee
(Márcia Theóphilo n. a Fortaleza, Brasile il 19/3/1941)

Erano stelle che cadevano nel fiume, erano stelle:
le vitórias régias. Io so – Yanoá pensa –
non solo gli animali ma tutto in natura ha un’anima,
un’anima alata che lascia il mondo quando sogna. E
sogna sempre luoghi ignoti. “Yanoá, Yanoá sveglia!
che gli uccelli possono portarti via sulle loro ali,
i sogni possono distruggerti”.
Si svegliava spaventata dalle sue stesse grida.
Gli uccelli vogliono strapparmi l’anima,
io non voglio restare sola con i pensieri.
Il suo volto s’illumina e i capelli spessi le scendono
lisci sul viso rugoso, antico, scolpito dai sogni e dal sole.
Un giorno Yanoá andrà con i suoi sogni, andrà con Yara
sul fondo delle acque. «Yanoá vieni a giocare con me, proteggimi
dai pesci che governano le acque e le piante,
cresciute in fondo al mare.
Tutto il giorno i pesci vanno e vengono
fra i tuoi lunghi capelli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti