Quando mi parli al telefono

Quando mi parli al telefono
(Mario Luzi Firenze 20/10/1914 – Firenze 28/2/2005)

Quando mi parli al telefono
e mi s’aprono
d’incanto i paradisi
della vocalità –
gli accordi
e i tocchi d’arpa
soffici
appena subsquillanti
di quella voce dai precordi sono
tuoi, sì, ma intanto
è il calmo pelago
della muliebrità
che entra
festosamente ruscellando
nel mattino della stanza
e mi dilava da me,
si porta via la mia nascita,
mi cancella dalla mia morte
lasciandomi sospeso…
è o non è
chi? me stesso
ed il mio ascolto – le dicono da tempo
i suoi interlocutori
uomini o angeli.

Dello stesso autore:
11 settembre
Amanti
Epifania
Giocano al ribasso
Il gelo
La giovane ebrea al suo amato musulmano
Ménage
Moro
Muore ignominiosamente la repubblica
Nell’imminenza dei quarant’anni
Non perderti
Pasqua, ora, nuovamente
Questa felicità
Sia detto
Versi d’ottobre

0 pensieri riguardo “Quando mi parli al telefono

  1.  Meglio tardi che mai…: scopro adesso che ti chiami Piero (bello!)…e che è il tuo compleanno! Tanti auguri, instancabile dispensatore di buonumore! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti