Frammenti

Frammenti
(Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930)

Io conosco la forza delle parole,
                                       conosco delle parole il suono a stormo.
Non di quelle
                che i palchi applaudiscono.
A tali parole
               le bare si slanciano
per camminare
                   sui propri
                                quattro piedini di quercia.
Sovente
          le buttano via,
                            senza strapparle, senza pubblicarle.
Ma la parola galoppa
                           con le cinghie tese,
tintinna per secoli,
                       e i treni strisciando s’appressano
a leccare
           le mani callose
                              della poesia.
Io conosco la forza delle parole.
                                        Parrebbe un’inezia.
Un petalo caduto
                     sotto i tacchi d’una danza.
Ma l’uomo
              con l’anima,
                              con le labbra,
                                              con lo scheletro…

Mi ama – non mi ama.
                           Io mi torco le mani
e sparpaglio
               le dita spezzate.
Così si colgono,
                   esprimendo un voto,
                                            così si gettano in maggio
corolle di margherite sui sentieri.
La rasatura
               e il taglio dei capelli
                                        svelino la canizie.
Tintinni a profusione
                          l’argento degli anni!
Spero,
        ho fiducia
                     che non verrà mai
da me
        l’ignominioso bonsenso.

Sono già le due.
                    Forse ti sei coricata.
Nella notte
              la Via Lattea
                               è come un’Oka¹ d’argento.
Io non m’affretto
                     e non ho ragione
di svegliarti
               e turbarti
                            coi lampi dei telegrammi.
Come suol dirsi,
                   l’incidente è chiuso.
La barca dell’amore
                          s’è infranta contro la vita.
Tu ed io
          siamo pari.²
                                            A che scopo riandare
afflizioni,
            sventure
                       ed offese reciproche.
Guarda
          che pace nel cosmo.
La notte
          ha imposto al cielo
                        un tributo di stelle.
In ore come questa
                       ci si leva
                                  e si parla
ai secoli,
          alla storia
                        e all’universo…

1930

¹ Oka, fiume russo.
² Nella lettera d’addio il poeta riportò questi versi con la sola variante «La vita ed io siamo pari».

Dello stesso autore:
All’amato me stesso
E così anche a me
Frammento
Il mare va a ritroso
Per noi
Marina da guerra in amore

0 pensieri riguardo “Frammenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti