Geo-tele-visioni

Giornata Mondiale della Libertà di Stampa

Geo-tele-visioni
(
Riccardo Raimondo n. a Siracusa il 24/4/1987)

Verità di verità, tutto è verità
in mondovisione in democratico spi
rito di discussione, d’Annunciazione, di
reputazione, di rappresentazione,
di sottomissione
– scorgo grammatiche anche nel caos

E cos’è il tempo, cos’è lo spazio?

Geografie del potere pazzo,
giochi di plastilina, teoremi ad hoc,
esercizi di stile, jet set
per i demòni dell’aria:

New York è sempre boom!,
Israele poverinigliebreipoverini!
Milano sempre dabere, l’expo si sorseggia
già fra i bicchieri dell’happy hour.

E i cavalieri delle nuove logge
importano le nuovissime armi ideologiche,
ateismi, taoismi, cineserie selvagge,
e a ben vedere… oltre Damasco che c’è?
O meglio: cos’è rimasto del Sole?
Mi dicono draghi, filosofi cannibali,
che speculano il vuoto e le sue vertigini.

E il senso cos’è allora? Cos’è la forma?

…oggi che la vita ha sostanza astratta, codicale,
s-ostentamento equazionale – bot, bond, spread, plus!
Oggi che la Parola è stilistica, invenzione pubblicitaria
– special offert, gratis, packet, business, smart, mission, target!
E la Storia è sempre più libera, liberale, libertaria,
(solo) apparentemente controcorrente…
mentre i novissimi giornalistici talenti
confondono le acque, le vite,
e le modernissime nervose scritture
– iper-moderne, a-narrative, generazionali, emozionali!
impastano le menti, i sentimenti… oggi,
oggi che la tecnica è trappola per gli angeli,
il demonio ha natura numerica,
sulle macerie delle postmetropoli
– ciò che resta dell’uomomangiauomo:
la nuova giungla real-cibernetica.

Io, dal mio canto, resto sempre appollaiato
come un falco stanco a sgranchire il becco
su questo scoglio universale
sull’isola di sempre, sostanzialmente
isola continentale.

E mentre Catania è uno smeraldo di fuoco
sotto la cenere che lo ricopre,
aggiungo solco al solco,
attizzo la fiamma, affilo la voce,
curo il mio campo

– temo la notte che si propaga
laggiù dov’è più densa la falcidia
e resta solo la conoscenza
per ardore o il buio

0 risposte a “Geo-tele-visioni”

  1. Violazioni avvengono ogni giorno attraverso la censura,
    sanzioni, sospensioni subite dalle testate giornalistiche;
    giornalisti ed editori vengono ancora aggrediti, arrestati e
    persino uccisi mentre svolgono il loro mestiere.
    La costituzione dichiara che la parola deve essere libera da ogni censura, ma questo purtroppo non avviene in molti paesi
    Ciao Piero.

  2.  
     
    Ciao Piero
    Buona giornata
    Se si cerca la verità non la si può  trovare  in televisione o sui giornali, Tutto, purtroppo, viene manipolato: facendo ciò si vuol attirare piu telespettatori o clienti. Non valorizzare il vero ma solo ciò  che conviene a questo o a quello e così  in tutti i campi.  Purtroppo!
    Un sorriso di sole e grazie
    Chiara
     
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *