Notte di marzo

Notte di marzo
(Giuseppe Ungaretti Alessandria d’Egitto 8/2/1888 – Milano 1/6/1970)

Luna impudica, al tuo improvviso lume,
Torna, quell’ombra dove Apollo dorme,
A trasparenze incerte.

Il sogno riapre i suoi occhi incantevoli,
Splende ad un’alta finestra.

Gli voli un desiderio,
Quando toccato avrà la terra,
Incarnerà la sofferenza.

(1927)

(Da: Sentimento del Tempo)

Dello stesso autore: Di luglioFratelliGrecia 1970Il lampo della boccaIn memoriaMattinaNataleNon gridate piùOgni anno, mentre scopro che FebbraioScoperta della donnaSegreto del poetaSoldatiSono una creaturaTrame lunariUna donna s’alza e canta

0 risposte a “Notte di marzo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *