Guardala con me questa luna

Guardala con me questa luna
(Carolina Turroni n. a Bologna)

Guardala con me, questa luna.
Ovunque tu sia, guardala con me.
Con chiunque tu sia, in un punto immateriale del tuo cuore sii con me. In un punto immateriale della tua mente parla con me.
Con me, che di te ho amato con eguale passione sia la carne che l’anima.
Rispondi a chi ti parla, sii gentile con chi respira nel cerchio del tuo respiro, ma ama me.
Te ne prego, ama me.
Perchè ho trasformato la stazione dei treni nella mia casa e ad ogni fischio del cavallo di ferro, ho il cuore perduto nella tagliola della nostalgia.
Guardala con me, questa luna.
Ovunque tu sia, guardala con me.
E fammi vivere ancora giorni pieni di tenerezza.
Perchè queste vene sempre più evidenti, questi capelli che imbiancano, questa anima appena rianimata, abbiano un senso ed una nuova bellezza.
Perchè questo sguardo , di nuovo vivo, abbia una sua dignitosa speranza.
Perchè le croci del giudizio, che scelgo di portarmi addosso, non mi schiaccino troppo.
E perchè nell’intimità di un amore comprensibile a pochi, si possa trovare calore e rifugio, e quell’appagamento umano così raro e prezioso , da celare nel segreto dello spirito.

Della stessa autrice:
Lettera di una mamma alla figlia

0 risposte a “Guardala con me questa luna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *