La mia casa e il mio cuore

La mia casa e il mio cuore
(Marcos Ana Alconada, Spagna 20/1/1920 – Madrid, Spagna 24/11/2016)

(sogno di libertà)

Se un giorno tornerò alla vita
la mia casa non avrà chiavi:
sempre aperta, come il mare,
il sole e l’aria.

Che entrino la notte e il giorno,
la pioggia azzurra, la sera,
il pane rosso dell’aurora;
la luna, mia dolce amante.

Che l’amicizia non trattenga
il passo sulla soglia,
né la rondine il volo,
né l’amore le labbra. Nessuno.

La mia casa e il mio cuore
mai chiusi: che passino
gli uccelli, gli amici,
e il sole e l’aria.

(Da: Ditemi com’è un albero, 2009)

Dello stesso autore:
Sarà che i miei sogni spaventano il tiranno

0 risposte a “La mia casa e il mio cuore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *