Natale de guerra

Natale de guerra
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Ammalappena che s’è fatto giorno
la prima luce è entrata ne la stalla
e er Bambinello s’è guardato intorno.
– Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara?
Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla?
– Fijo, la legna è diventata rara
e costa troppo cara pè compralla…
– E l’asinello mio dov’è finito?
– Trasporta la mitraja
sur campo de battaja: è requisito.
– Er bove? – Pure quello
fu mannato ar macello.
– Ma li Re Maggi arriveno? – È impossibbile
perché nun c’è la stella che li guida;
la stella nun vò uscì: poco se fida
pè paura de quarche diriggibbile…-

Er Bambinello ha chiesto:- Indove stanno
tutti li campagnoli che l’antr’anno
portaveno la robba ne la grotta?
Nun c’è neppuro un sacco de polenta,
nemmanco una frocella1 de ricotta…

– Fijo, li campagnoli stanno in guerra,
tutti ar campo e combatteno. La mano
che seminava er grano
e che serviva pè vangà la terra
adesso viè addoprata unicamente
per ammazzà la gente…
Guarda, laggiù, li lampi
de li bombardamenti!
Li senti, Dio ce scampi,
li quattrocentoventi
che spaccheno li campi? –

Ner dì’ così la Madre der Signore
s’è stretta er Fijo ar core
e s’è asciugata l’occhi cò le fasce.
Una lagrima amara pè chi nasce,
una lagrima dórce pè chi more…

dicembre 1916

(1: Fiscella, cestella)

(Da: Lupi e agnelli)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoGioveL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadenteUn re umanitario

0 risposte a “Natale de guerra”

  1.  Io penso che un motivo ci sia ,è che non siamo più soli nella miseria del mondo, ma c’è qualcuno che l’ha vinta e fa rinascera la vita e la speranza. Buon Natale😘

  2.  Vita e morte, gioia e dolore, sorrisi e lacrime….Questo è il nostro mondo, un mondo dove le madri, da sempre, sono destinate a soffrire per i loro figli .
    Ti Auguro un Natale di pace, un nuovo anno di serenità e tante belle poesie ancora da condividere. Buone feste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *