Quell’uomo che prega il Signore

Quell’uomo che prega il Signore
(Giorgio Orelli n. ad Airolo, Svizzera 25/5/1921 – Bellinzona, Svizzera 10/11/2013)

“Quell’uomo che prega il Signore a quel modo,
sì, quel signore là (proprio adesso s’accende di sole
sull’omero destro), bene, il popolo dice
che il parroco è un messo di Dio e lui un fesso
della madonna, purtuttavia guadagna
più di tuo padre e del curato insieme.
Con suoi lordi compagni è appena tornato da Lourdes
dove non avrà preso maggiore coscienza di sé
ma certo pregato per i più strapazzati
operai da lui stesso trascelti nel Sud.
Adesso sai perché tanto arrotonda la voce,
perché dilata il segno della croce.”
Fuori, una nobile bestia, la vacca di zia Rita,
non muove più la coda, ferita alla radice.

Dello stesso autore: A un cattolicoA un piccolo borgheseDue passi con Lucia, d’autunno

0 risposte a “Quell’uomo che prega il Signore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *