Tempo di pedoni

 Giornata Internazionale della Pace

Tempo di pedoni
(Erri De Luca n. a Napoli il 20/5/1950)

Cadono torri, piovono missili-alfieri
Sulle citta’ e sui campi piu’ magri del pianeta.
I pezzi grossi della scacchiera chiamano:
“Chi ci ama, ci segua”, i vassalli si accodano.
E’ tempo di pedoni, maggioranza dei pezzi.
La via Perugia-Assisi non arriva a Kabul
pero’ e’ fumo negli occhi ai generali,
grano nella pupilla della mira.
E’ tempo di pedoni, pedine di nessuno,
alleanza di Pasqua e Ramada’n.
Se l’appoggio di un corpo sta nei piedi,
loro, i pedoni, sono l’equilibrio del mondo.

Dello stesso autore: DueErri De Luca racconta l’immigrazione dal cimitero di LampedusaFigli dell’orizzonteIl potere dichiara…Mare nostroNaufragiProntuario per il brindisi di capodannoSei vociValore

0 risposte a “Tempo di pedoni”

  1. Siamo tutti pedine nella scacchiera della vita, anche se ognuno di noi è importante perché senza pedine non si potrebbe ”giocare a scacchi’. Sarebbe meraviglioso dare lo scacco matto al Re.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *