… si tratta di aprirla questa porta

… si tratta di aprirla questa porta
(Alberto Bevilacqua Parma 27/6/1934 – Roma 9/9/2013)

… si tratta di aprirla questa porta
di entrarci in questa camera sigillata da tempo
senza chiedersi
chi fu a chiuderla, e perché è accaduto
… era talmente affollata di musica, di voci
aveva un suo così definito tempo
ma il tempo si è frantumato in tanti tempi
minori, sparsi,
e i suoni
i suoni si sono persi ciascuno per la propria
strada, viottoli o grandi viali,
sottoporre a un processo cronologico
suoni, tempi,
silenzi, sottosilenzi,
le lontananze buie e le luminose
… il pianoforte
ad esempio, anzi l’esempio perfetto,
è bianco di polvere:
si potrebbe incidere le note con la punta di un dito
… dare aria:
lasciare che l’aria si dia da sola
che l’ordine stesso e il senso delle cose
si ricompongano per propria convinzione,
cominciare da un inizio
lasciando che sia l’inizio a rivelarsi
… non c’è volontà che valga
per chi vuole rendere
di nuovo praticabile un luogo della sua anima.

(Da: La camera segreta)

Dello stesso autore: Amore, convincitiIl tuo nome

0 pensieri riguardo “… si tratta di aprirla questa porta

  1. Due donne, due persone che conosco. Un tempo erano amiche, poi una delle due aveva fatto un torto veramente grande all’altra, l’aveva fatta soffrire, l’aveva fatta  ammalare per la disperazione.
    Sono passati tanti anni. La donna che aveva tradito ne aveva viste tante: tanti dolori grandissimi, tra cui la morte di una figlia. Ora non sta bene, deve essere operata.
    Una terza donna, amica di entrambe, ha fatto notare alla prima che era tempo di perdonare, perchè già il tempo e la vita avevano punito quella persona che aveva tradito.
    Così le due amiche di un tempo, nemiche per tantissimi anni successivi, si sono ritrovate, hanno pranzato insieme e si sono consolate a vicenda per i dolori sofferti in quei lunghi anni.
    Anche così si aprono le porte…E questa non è solo poesia, ma vita reale, che si trasforma nella più bella poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti