Qualità di morte

Qualità di morte
(Vito Riviello Potenza 1/9/1933 – Roma 18/6/2009)

Ci scappa il morto!
Ci sta scappando
il morto ci è scappato.
È fuggito in una morte seria
                       d’occhi compiti
e vasi etruschi
fuggendo dalla morte nemica
di bossoli nutrita.
Morti perfettamente uguali
            pur nelle distinzioni
                                             ipocrite
dell’orride devastazioni.
Come faranno le religioni
a riconoscere gli accoliti.
Solo chi li vede non li distingue
in cadaveri rossi o azzurri.
Da un morto all’altro stiamo fuggendo
sotto il manto delle stelle.
Se dal torbido sogno
            mi svegliassi antilope
apprenderei la virtù dei forti.

(Da: Assurdo e familiare)

0 risposte a “Qualità di morte”

  1. Vito Riviello, un mio conterraneo, che ho conosciuto e apprezzato per la sua comicità e ironia non solo nelle sue poesie ma anche nei motti di spirito e nelle improvvisazioni.
    Buon mese di settembre!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *