Foglie morte

Foglie morte (Nazım Hikmet Salonicco, Grecia 20/11/1901 ma registrato all’anagrafe il 15/1/1902, che egli stesso indicava come data di nascita – Mosca, Russia 3/6/1963) Veder cadere le foglie mi lacera dentro soprattutto le foglie dei viali soprattutto se sono ippocastani soprattutto se passano dei bimbi soprattutto se il cielo è sereno soprattutto se ho avuto, […]

Il cittadino ignoto

Il cittadino ignoto (Wystan Hugh Auden York, Regno Unito 21/2/1907 – Vienna, Austria 29/9/1973 – Premio Pulitzer per la poesia 1948) A JS/07/M/378 LO STATO DEDICA QUESTO MONUMENTO MARMOREO L’Ufficio Statistico attesta che mai fu fatta contro di lui querela, e rapporto sulla sua condotta non si dà che non lo giudichi un santo nel […]

Ti ho nascosto

Ti ho nascosto (Miklós Radnóti Budapest, Ungheria 5/5/1909 – Abda, Ungheria 10/11/1944) Ti ho nascosto a lungo, come il ramo tra le foglie il frutto che tarda a maturare, e ora fiorisci ai miei occhi come sullo specchio della finestra d’inverno il fiore giudizioso del ghiaccio. E so già cosa significa quando posi la mano […]

Rasente i muri andando

Rasente i muri andando (Siro Angeli Cavazzo Carnico, UD 27/9/1913 – Tolmezzo, UD 22/8/1991) Rasente i muri andando per strade ed ore vuote a tarda notte, quando si spegne ogni finestra, ogni porta si chiude, e tu indugiando tra gli ultimi tram guardi frettolosi su cigolanti ruote ritornare al deposito – anche uno che ti […]

Gli anni

Gli anni (Attilio Bertolucci Parma 18/11/1911 – Roma 14/6/2000) Le mattine dei nostri anni perduti i tavolini nell’ombra soleggiata dell’autunno, i compagni che andavano e tornavano, i compagni che non tornarono più, ho pensato ad essi lietamente. Perché questo giorno di settembre splende così incantevole nelle vetrine in ore simili a quelle d’allora, quelle d’allora […]

Dì loro…

Dì loro… (Ernest Pépin n. a Lamentin, Guadalupa il 25/9/1950) Passa un uccello lampo di piume nel messaggio della sera VA             VOLA                         E DÌ LORO Dì loro che vieni da un paese nato in una stretta di mano un paese semplice come buongiorno dove le notti cantano per scacciare la paura dei domani dì loro […]

Sull’amicizia

Impara a respingere l’amicizia. O meglio, il sogno dell’amicizia. Desiderare l’amicizia è un grave errore. L’amicizia deve essere una gioia gratuita come quelle che danno l’arte, o la vita. Bisogna rifiutarla per essere degni di riceverla: essa partecipa della natura della grazia. — SIMONE WEIL —

Colchici autunnali

Colchici autunnali (Hilde Domin Colonia, Germania 27/7/1909 – Heidelberg, Germania 22/2/2006) Per noi, a cui è bruciato lo stipite della porta, sul quale erano segnati gli anni dell’infanzia centimetro per centimetro. Noi, che non piantammo un albero nel nostro giardino per mettere una sedia nella sua ombra crescente. Noi, seduti sulla collina come pastori incaricati […]

I giochi dell’anima

I giochi dell’anima (Bei Dao n. a Pechino, Cina il 2/8/1949) Queste mani càrdano il vento d’autunno in ogni porto qualcuno aspetta il bel tempo, troppe noie si ammucchiano in nuvole nere il clima ci consola quando si passa da un eccesso di sogni alla loro assenza i giorni e la scala sono immobili noi […]

Vai alla barra degli strumenti