Donna

Donna
(Umberto Saba Trieste 9/3/1883 – Gorizia 25/8/1957)

Quand’eri
giovinetta pungevi
come una mora di macchia. Anche il piede
t’era un’arma, o selvaggia.

Eri difficile a prendere.
Ancora
giovane, ancora
sei bella. I segni
degli anni, quelli del dolore, legano
l’anime nostre, una ne fanno. E dietro
i capelli nerissimi che avvolgo
alle mie dita, più non temo il piccolo
bianco puntuto orecchio demoniaco.

Dello stesso autore: BoccaCaro luogoIn riva al mareL’addioLa MalinconiaMeriggio d’EstateMio padre è stato per me “l’assassino”Quando il pensiero di teQuest’annoRitratto della mia bambinaSera di febbraio

0 risposte a “Donna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *