Dionisiaca

Dionisiaca
(Marko Kravos Poeta e scrittore sloveno n. a Montecalvo Irpino, AV il 16/5/1943, dove i suoi erano confinati durante il fascismo, vive a Trieste)

In fin dei conti
proprio grazie alla mia scarsa importanza
mi rifiuto a ogni saggia devozione.
Per le membra lo spazio lì è troppo angusto
e i miei cinque sensi
proprio vorrebbero farsi due salti.
Tento e ritento di trovarmi a mio agio
sulle mie gambe, sugli occhi e gli orecchi.
Quando inspiro è tra sogni azzurrini,
se espiro alito via tutto il passato.
Non mi preoccupano più bontà e apparenza.
I giorni sono mosci, ma stellate
le notturne bevute di vino.
Mai più uomo a una sola dimensione,
schiacciato dalla luce: in me ci sono
due generi più uno terzo:
il maschile, il femminile e l’infantile!
Con sé il tempo si accoppia e prolifica.
La mia agile esiguità mi entusiasma
E questo delizioso esser da poco.
Non credo più in fedeltà presuntuose
(non esiste l’eterno) e rinnego il dio
cui manchi il dono leggero del riso.

(Trad. di Arnaldo Bressan)

Dello stesso autore: Il mio corpo

0 risposte a “Dionisiaca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *