Da così tanto tempo sono nato

Da così tanto tempo sono nato
(Arsenij Aleksandrovič Tarkovskij Elisavetgrad, Ucraina 25/6/1907 – Mosca, Russia 27/5/1989)

Da così tanto tempo sono nato
che sento certe volte
trascorrere su di me l’acqua gelata.
Giaccio sul fondo del fiume
e se canto una canzone
inizio dall’erba, attingo dalla sabbia,
non schiudo le labbra.

Da così tanto tempo sono nato
che non posso parlare,
ho sognato una città
su una riva pietrosa.
Giaccio sul fondo del fiume
e dall’acqua vedo
la luce lontana, l’alta dimora,
il verde raggio di stella.

Da così tanto son nato,
che se tu verrai
e la mano mi porrai sugli occhi,
sarà una bugia,
non ti potrò trattenere.
E se tu andrai via
e io non ti seguirò come un cieco
sarà una bugia.

Dello stesso autore: È finita l’estateE lo sognavo, e lo sognoPrimi incontri

0 risposte a “Da così tanto tempo sono nato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *