Ho sentito chiamare

Ho sentito chiamare
(Paul Polansky n. a Mason City, Iowa, USA il 17/2/1942)

Ho sentito chiamare
Parassiti, ladri,
Mafiosi, maleducati,
Senza cultura
Gli italiani,
Quando emigravano
Dall’Italia a New York
Cent’anni fa.

Perché gli italiani non vedono
Che i Rom dei Balcani di oggi
Sono scesi dalle stesse barche?

0 pensieri riguardo “Ho sentito chiamare

  1. Gli zingari invece erano un groviglio di spigoli. Non era l’imperfezione nel corpo o nel cervello, un’incisione sul pisello, il cognome di una città, la barba o il modo di parlare che li distingueva. Nemmeno la religione, la musica o il cibo. Nessuno di loro era mai diventato ricco, non avevano fatto guerre contro nessuno, non pensavano alla bomba atomica e alla armi chimiche o batteriologiche, non reclamavano una terra, non avevano creato né galere né manicomi. Qualcuno sapeva rubare sul tram, lavorare gli piaceva poco come a tutti, ma loro lo nascondevano meno e non consideravano un dramma puzzare di sudore o restare per una settimana senza cambiarsi mutande e calzini. In un’Europa che aspirava a una perfezione fatta di purezza sintetica e occhi azzurri, gli zingari apparivano come una zecca sul cane di Barbie, la muffa nel cheeseburger, i tarli da Ikea. (Ascanio Celestini)

  2. Elisabeth, Francesca e Angelica Halinovic erano solo tre povere ragazze che nulla avevano a spartire con i Casamonica, Spada o Di Silvio se non l’etnia. Meritavano per questo di morire arse vive? Anche noi siamo italiani come tanti assassini e delinquenti, meritiamo per questo di essere tutti giudicati come mafiosi estortori o evasori?

  3. Hai già fatto il processo? Hai già stabilito la verità? La nonna delle tre ragazze ha parlato di vendetta legata alla morte di Yao Zhang, travolta da un treno mentre inseguiva i ladri e della consegna da parte dei rom di Via Salviati dei tre scippatori della studentessa cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti