No, io non posso amare quel che sei

No, io non posso amare quel che sei
(Patrizia Cavalli n. a Todi, PG il 17/4/1949)

No, io non posso amare quel che sei,
quello che sei è in verità uno sbaglio.
C’è in te però una grazia che oltrepassa
quello che tu in ostinatezza sei.
Qualche cosa che è tuo e non ti appartiene,
che è in te origine ma da te diviso,
che a te si accosta cauto, spaventato
del suo stesso incontenibile splendore.

(Da: Pigre divinità e pigra sorte)

Della stessa autrice: Addosso al viso mi cadono le nottiAnche quando sembra che la giornataEsseri testimoni di se stessiMa davvero per uscire di prigioneSarebbe certo andato tutto bene…Se ora tu bussassi alla mia portaTra un po’ tutti all’inferno

0 pensieri riguardo “No, io non posso amare quel che sei

Rispondi a eilidh Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti