I gatti come gli angeli

I gatti come gli angeli (Marge Piercy n. a Detroit, Michigan, USA 31/3/1936) I gatti come gli angeli dovrebbero essere magri; i maiali e i cherubini dovrebbero essere grassi. La gente sta di solito nel mezzo, un nodo d’osso che spunta dal ginocchio che vorresti imbottire, un rotolo di ciccia che penzola dalla cintura. Ti […]

Sonetto 29

Sonetto 29 (Elizabeth Barrett Browning Durham, Regno Unito 6/3/1806 – Firenze 29/6/1861) Io penso a te! I miei pensieri sbocciano e si intrecciano su di te come viti selvagge intorno ad un albero Distendono ampie foglie finché null’altro si vede se non l’onda del verde che nasconde il tuo tronco. Cerca di capire, o mio palmizio, […]

Maria

Maria (Miltos Sachtouris Atene, Grecia 19/7/1919 – Atene, Grecia 29/3/2005) Pensosa Maria si tolse le calze Dal suo corpo giunsero voci di altri di un soldato che parlava come un uccello di un malato che sarebbe morto del male delle pecore e i pianti della nipotina di Maria che nacque proprio in questi giorni Maria […]

Addio a una vista

Addio a una vista (Wisława Szymborska Kórnik, Polonia il 2/7/1923 – Cracovia, Polonia 1/2/2012; Premio Nobel per la letteratura 1996) Non ce l’ho con la primavera perché è tornata. Non la incolpo perché adempie come ogni anno ai suoi doveri. Capisco che la mia tristezza non fermerà il verde. Il filo d’erba, se oscilla, è […]

Perché la poesia per molti può essere difficile

Perché la poesia per molti può essere difficile (Dorothea Lasky n. a Saint Louis, Missouri, USA il 27/3/1978) Perché parlare ai morti non è cosa da fare Quando hai da fare altro in giornata Tipo portar via la spazzatura o passare l’aspirapolvere Sul bordo fra i fornelli e la dispensa Perchè il ratto è ovunque […]

Il senso giusto

  Tutto quello che passa per le tue mani ha una dolce impronta un senso giusto un sapore di semi si riscatta dall’onta del suo essere plumbeo ogni ruga si spiana sull’arco della fronte chi da te si diparte a te ritorna come un pane sparito rifiorito nel forno. — BARTOLO CATTAFI —   immagine […]

Gelosia

Gelosia (Roland Barthes Cherbourg, Francia 12/11/1915 – Parigi, Francia 26/3/1980) Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca per ferire l’altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità: soffro di essere escluso, di essere aggressivo, di essere pazzo e di essere come […]

Tendenze xenofobe sʼimpongono in Europa

  60º anniversario dei Trattati di Roma 25 marzo 1957 – 25 marzo 2017 Tendenze xenofobe sʼimpongono in Europa (opaca istantanea con reflex manuale nel limbo azzurrognolo dellʼanime perse) (Claudio Arzani n. a Fiorenzuola d’Arda, PC il 14/2/1954) Rabbuia la via unʼombra oscura sʼalza dʼimprovviso gelido vento volano nellʼaria fogli di carta Kaos e disordine […]

Il massacro dei trecentoventi

  Eccidio delle Fosse Ardeatine 1944 – 2017 Il massacro dei trecentoventi (Anonimo laziale 1944 Questa canzone, scritta in un miscuglio di italiano e di qualche dialetto laziale rustico, circolava scritta a mano di foglietto in foglietto nella Roma del 1944, dopo l’eccidio delle Fosse Ardeatine.) Padre Celeste, Iddio di tanto amore d’una forza mia […]

La primavera

La primavera (Grazia Deledda Nuoro 27/9/1871 – Roma 15/8/1936 – Premio Nobel per la letteratura 1926) L’inverno aveva rinfrescato anche il colore delle rocce. Dai monti scendevano, vene d’argento, mille rivoletti silenziosi, scintillanti tra il verde vivido dell’erba. Il torrente sussultava in fondo alla valle tra i peschi e i mandorli fioriti, e tutto era […]

Vai alla barra degli strumenti