Natale

Natale
(Corrado Govoni Tàmara, FE 29/10/1884 – Lido dei Pini, RM 20/10/1965)

E l’infanzia e il paese abbandonato,
di tra le dense nebbie dolcemente
scampanante, e il presepe tappezzato
di borracina e ghiaia rilucente;

le pastorali che soavemente
l’armonium diffondeva estasiato:
tutti, tutti mi tornano alla mente,
i ricordi del tempo trapassato.

Mentre al suon delle mistiche campane
esultanti nell’alba liliale,
m’inondano dolcezze sovrumane,

e al lieve vento, sopra il davanzale,
nelle fini e giallastre porcellane,
si sfogliano le rose di Natale.

Dello stesso autore: CharlotCol bacio mi sembrò di berti l’animaQuanto potè durare il tuo martirioSe una cava di rossa pozzolanaTu, Dio…

0 pensieri riguardo “Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti