La neve cade

La neve cade (Boris Pasternak Mosca, Russia 10/2/1890 – Peredelkino, Russia 30/5/1960 – Premio Nobel per la letteratura 1958) La neve cade, la neve cade. Alle bianche stelline in tempesta si protendono i fiori del geranio dallo stipite della finestra. La neve cade e ogni cosa è in subbuglio, ogni cosa si lancia in un […]

Rischiare

Rischiare (Rudyard Kipling Bombay, India 30/12/1865 – Londra, Regno Unito 18/1/1936 – Premio Nobel per la letteratura 1907) Ridere, è rischiare di apparire matti… Piangere, è rischiare di apparire sentimentali… Tendere la mano, significa rischiare di impegnarsi… Mostrare i sentimenti, è rischiare di esporsi… Far conoscere le proprie idee ed i propri sogni, è rischiare […]

E quando sarò morta, mio diletto

E quando sarò morta, mio diletto (Christina Rossetti Londra, Regno Unito 5/12/1830 – Londra, Regno Unito 29/12/1894) E quando sarò morta, mio diletto, non cantare per me tristi canzoni, e non piantarmi rose sulla fossa, né voglio avere l’ombra del cipresso sopra di me, ma solo verdi zolle fresche di pioggia fresche di rugiada. E […]

Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco

Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco (Sergej Aleksandrovič Esenin Konstantinovo, Russia 3/10/1895 – Leningrado, Russia 28/12/1925) Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco verso un paese di silenzio e di quiete: e presto anch’io dovrò preparare al viaggio le mie spoglie mortali. O care foreste di betulle! E voi campi, […]

L’universo non ha un centro…

L’universo non ha un centro… (Chandra Livia Candiani n. a Milano nel 1952) L’universo non ha un centro, ma per abbracciarsi si fa cosí: ci si avvicina lentamente eppure senza motivo apparente, poi allargando le braccia, si mostra il disarmo delle ali, e infine si svanisce, insieme, nello spazio di carità tra te e l’altro. […]

Santo Stefano 1938

Santo Stefano 1938 (Leonardo Sinisgalli Montemurro, PZ 9/3/1908 – Roma 31/1/1981) Stasera s’indovina al chiaro delle nevi Che il giorno avanza con passi di gallo. Dalla mia stanza erta Guardo il ballo delle ombre nel solstizio. C’è nell’aria un indizio Di vita nuova, una speranza certa. Forse è cuore che smania In questa bianca squilla […]

Natale

Natale (Corrado Govoni Tàmara, FE 29/10/1884 – Lido dei Pini, RM 20/10/1965) E l’infanzia e il paese abbandonato, di tra le dense nebbie dolcemente scampanante, e il presepe tappezzato di borracina e ghiaia rilucente; le pastorali che soavemente l’armonium diffondeva estasiato: tutti, tutti mi tornano alla mente, i ricordi del tempo trapassato. Mentre al suon […]

Lo zampognaro

Lo zampognaro (Gianni Rodari Omegna, VB 23/10/1920 – Roma 14/4/1980) Se comandasse lo zampognaro Che scende per il viale, sai che cosa direbbe il giorno di Natale? “Voglio che in ogni casa spunti dal pavimento un albero fiorito di stelle d’oro e d’argento”. Se comandasse il passero Che sulla neve zampetta, sai che cosa direbbe […]

Natale

Natale (Francesco De Gregori n. a Roma il 4/4/1951) C’è la luna sui tetti e c’è la notte per strada le ragazze ritornano in tram ci scometto che nevica tra due giorni è natale ci scometto dal freddo che fa. E da dietro la porta sento uno che sale ma si ferma due piani più […]

L’aria e’ piena di grida

L’aria e’ piena di grida (Antonella Anedda n. a Roma il 22/12/1955) Pensi davvero che basti non avere colpe per non essere puniti, ma tu hai colpe. L’aria è piena di grida. Sono attaccate ai muri, basta sfregare leggermente. Dai mattoni salgono respiri, brandelli di parole. Ferri di cavalli morti circondano immagini di battaglie Le […]

Vai alla barra degli strumenti