Ho veduto solo una volta

Ho veduto solo una volta
(
Jaroslav Seifert Praga, Cechia 23/9/1901 – Praga, Cechia 10/1/1986 – Premio Nobel per la letteratura 1984)

Ho veduto solo una volta
un sole così insanguinato.
E poi mai più.
Scendeva funesto sull’orizzonte
e sembrava
che qualcuno avesse sfondato la porta dell’inferno.
Ho domandato alla specola
e ora so il perché.

L’inferno lo conosciamo, è dappertutto
e cammina su due gambe.
Ma il paradiso?
Può darsi che il paradiso non sia null’altro
che un sorriso
atteso per lungo tempo,
e labbra
che bisbigliano il nostro nome.
E poi quel breve vertiginoso momento
quando ci è concesso di dimenticare velocemente
quell’inferno.

(Da: Vestita di luce)

Dello stesso autore: Cos’è rimasto?La tua pelle ha il candore dei bucaneve

0 risposte a “Ho veduto solo una volta”

  1. Spesso lo penso anch’io che l’Inferno non sia un Aldilà pieno di fiamme in cui bruciano le anime malvagie, che l’inferno è quaggiù, che i demoni più spietati abbiano due gambe e due braccia.

  2. Essere in paradiso è guardare la propria vita e sentire nel profondo che non manca nulla. Se invece lo si cerca all’esterno, si rischia di non trovarlo mai.
    Buon fine settimana, e grazie dei tuoi post e commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *