Maniera in cui scoprii i due tipi di morte

Maniera in cui scoprii i due tipi di morte
(Cecilia Vicuña n. a Santiago del Cile il 22/7/1948)

da piccola avevo dei conigli e mi piacevano tanto
che non mi staccavo da loro durante tutto il giorno.
li guardavo senza sosta ma non mi venne mai in mente
che erano animali che mangiavano e fu cosi
che morirono. io non riuscivo a capire perché
era successo dato che loro «sapevano» che
io li amavo, per me esisteva solo un tipo
di morte ed era quella di dolore o tristezza.
poi, uno zio mi chiese che cosa davo da
mangiare ai conigli e io lo trovai molto strano.
gli dissi che non gli davo niente, chiesero ai
grandi e tutti risposero che essendo
miei gli animaletti si supponeva che li
alimentassi io. gran commozione per la morte dei conigli.
tutti considerarono che ero scema e snaturata.
a me non importò, ma pensai
che da allora in poi avrei dato da mangiare a
tutte le cose che mi piacevano perché voleva
dire che c’erano due tipi di morte: quella di
fame e quella di dolore.

Della stessa autrice: Sia come sia

0 pensieri riguardo “Maniera in cui scoprii i due tipi di morte

  1. La bellezza, la semplicità, l’innocente umiltà del brano aprono alla riflessione sulla morte….. Complimenti per la scelta dei brani. Buon fine settimana.

  2.  Io,da piccola, giocavo con i coniglietti che mio nonno allevava per mangiarli, appunto !!! Non potevo sopportarlo !Avevo ottenuto la grazia Per Nerino, il mio preferito ma, un giorno , durante un salto mentre lo facevo giocare, si è rotto una zampa ed è finito in pentola anche lui. 
    Scusa per questo ricordo.
    Buon week end.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti