Era la mia città, la città vuota

Era la mia città, la città vuota
(Sandro Penna Perugia 12/6/1906 – Roma 21/1/1977)

Era la mia città, la città vuota
all’alba, piena di un mio desiderio.
Ma il mio canto d’amore, il mio più vero
era per gli altri una canzone ignota.

Dello stesso autore: Era il settembreFavolaI pini solitari lungo il mareIl cielo è vuotoIl mio amoreLa vita… è ricordarsi di un risveglioLe stelle sono immobili nel cieloMi adagio nel mattinoNell’alto arido eremoPaesaggioNotte bellaSe la notte d’estate…Se la vita sapesse

0 risposte a “Era la mia città, la città vuota”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *