La scuola tra le rovine

La scuola tra le rovine
(Adrienne Rich Baltimora, Maryland, USA 16/5/1929 – Santa Cruz, California, USA 27/3/2012)

Beirut. Bagdad. Sarajevo. Betlemme. Kabul. Ma non qui,
sicuramente non qui.

1.
Mentre si insegna la prima lezione e l’ultima
— bella luce estiva calante ci sarai
ancora quando usciremo?
Quando dalle porte scorreranno
i bambini in due colonne
MASCHI da una parte FEMMINE dall’altra e gli insegnanti indaffarati
con la pertica apriranno o chiuderanno le finestre su in alto
accosteranno le imposte verde scuro
gli armadietti chiusi a chiave, aperti,
le domande fatte, quelle taciute, quando
l’amore del fresco, dell’impeccabile
aguzzo come la punta di una matita
sì, ordine senza crudeltà
una strada sulla terra né paradiso né inferno
indaffarata nei commerci e nel culto
giovani insegnanti che vanno a scuola a piedi
pane fresco e bancarelle che aprono presto.

2.
Quando l’offensiva fa tremare il cielo quando il bagliore della notte
confonde il giorno e le tenebre quando le usate
stanze della città alta
crollano formando crateri nelle strade in basso
antichi cornicioni frammenti umani
quando la paura aspira le strade
Quando tutta la città si ritrae
— sangue che si coagula sotto i piedi come vetro
Chiunque oltrepassi la zona contestata tutto piegato
Sulle ginocchia sa perché compie quest’azione suicida
La scuola ormai è in sessione giorno e notte
i bambini dormono
nelle aule, gli insegnanti arrotolati lì accanto.

3.
Quanto la amava la sua scuola
il bravo maestro: gli studenti
la mensa coi panini freschi freschi
la limonata e il latte
i terrari nell’aula
coperti di muschio e con le tartarughe
lezioni di responsabilità
Si apre una mattina senza pane o latte fresco
genitori o appunti per la lezione
la diarrea la prima domanda del giorno
bambini con i brividi è settembre
Seconda domanda: dov’è la mia mamma?

4.
Uno: la tua mamma non so dove sia
Due: non so
perché cercano di farci del male
Tre: né la latitudine e longitudine
del loro odio. Quattro: Non so se anche
noi li odiamo altrettanto Penso che ci sia dell’altra carta igienica
nell’armadietto delle scorte, aspetta che ora lo spacchiamo.
La lezione per oggi è questa:
scrivete il più chiaro possibile
il vostro nome cognome e indirizzo
su questo foglio.
No, a casa non ci potete tornare ancora
ma non siete mica persi
questa è la nostra scuola
non so esattamente cosa mangeremo
cercheremo radici commestibili ed erbe
e anche l’acqua sebbene i tubi siano rotti

5.
C’è una giovane gatta che infila
la testa tra le sbarre delle finestre
come noi anche lei ha fame
ma lei i topi li può mangiare
il pelo bronzino in eruzione
ci parla di una vita già selvatica
le sue pupille dorate
non danno tregua. Sarà lei ad insegnarci. La chiameremo
Sorella
quando troveremo del latte gliene daremo

6.
Ve l’ho già detto, cerchiamo di dormire in questo strano accampamento
Tutta la notte cose senza pietà e senza pilota stridono
sopra di noi da qualche parte
Non lasciate che le vostre facce si trasformino in pietra
Non smettete di chiedermi perché
Facciamo attenzione alla nostra gatta ha bisogno di noi
Forse domani i panettieri potranno riparare il forno.

7.
“Gli abbiamo cantato il sonno, raccontate le favole e con le mani gli abbiamo fatto le ombre degli animali
abbiamo lavato via detriti umani dagli stivali e dai cappottini
seduti abbiamo imparato a memoria i nomi
alcuni erano troppo piccoli per scrivere
gli altri avevano dimenticato come si fa”.

(Da: “School Among the Ruins – Poems 2000-2004”, Norton 2004, USA. Traduzione di Pina Piccolo)

Della stessa autrice: DonneDurante tutta la Seconda Guerra Mondiale…La mia bocca quasi sfiora i tuoi seniTunnel

0 pensieri riguardo “La scuola tra le rovine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti