Domande di un lettore operaio

     Festa del lavoro e dei lavoratori

Domande di un lettore operaio
(Bertolt Brecht Augusta, Germania 10/2/1898 – Berlino, Germania 14/8/1956)

Chi costruì Tebe dalle Sette Porte?
Dentro i libri ci sono i nomi dei re.
I re hanno trascinato quei blocchi di pietra?
Babilonia tante volte distrutta,
chi altrettante la riedificò? In quali case
di Lima lucente d’oro abitavano i costruttori?
Dove andarono i muratori, la sera che terminarono
la Grande Muraglia?
La grande Roma
è piena di archi di trionfo. Chi li costruì? Su chi
trionfarono i Cesari? La celebrata Bisanzio
aveva solo palazzi per i suoi abitanti?
Anche nella favolosa Atlantide
nella notte che il mare li inghiottì, affogarono
implorando aiuto dai loro schiavi.

Il giovane Alessandro conquistò l’India.
Lui solo?
Cesare sconfisse i Galli.
Non aveva con sé nemmeno un cuoco?
Filippo di Spagna pianse, quando la sua flotta
fu affondata. Nessun altro pianse?
Federico II vinse la guerra dei Sette Anni. Chi
vinse oltre a lui?

Ogni pagina una vittoria.
Chi cucinò la cena della vittoria? Ogni dieci anni un grande uomo.
Chi ne pagò le spese?

Tante vicende.
Tante domande.

Dello stesso autore: A mia madreA quelli nati dopo di noiAria del dio della felicitàChi sta in alto dice: pace e guerraContro la seduzioneDella corruzioneGeneraleHollywoodI bambini giocano alla guerraL’analfabeta politicoL’uomo che imparaLa guerra che verràLa maschera del cattivoLe grucceLode del dubbioLode dell’imparareLode della dimenticanzaPrima venneroRicordo di Mary A.Tempi brutti per la poesia

0 pensieri riguardo “Domande di un lettore operaio

  1.  Vero! Non ci si pensa mai quando leggi di leggendarie vittorie o sconfitte che dietro a grandi uomini che hanno fatto la storia, ci sono altrettanto bravi uomini che l’hanno resa possibile la vittoria o, sfortunatamente, la sconfitta! 
    Buon lavoro a tutti e buon primo maggio.
    Un abbraccio
    Chiara
     
     
     

  2. Poesia più appropriata non potevi offrirci, Piero!

    La Festa del lavoro o Festa dei lavoratori viene celebrata il 1º maggio di ogni anno in molti Paesi del Mondo per ricordare l’impegno del movimento sindacale e i traguardi raggiunti dai Lavoratori in campo economico e sociale.
    La festa ricorda le battaglie Operaie, in particolare quelle volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore (in Italia con il r.d.l. n. 692/1923).
     
    Io sto scrivendo con la TV accesa su Rai 3, che trasmette il Concertone del 1° maggio. Non me lo lascio sfuggire, almeno in audio, da qualche anno a questa parte.
    Prima ci andavo con la mia Comitiva, appena riuscivo a sistemare dai miei Genitori i miei 3 Figli, altrimenti pur soffrendone me ne privavo.
    Un abbraccio e Buon 1° Maggio a Te, Amico caro, ciaoooooooo
    Angela
     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti