Giove

  2769° Natale di Roma

Giove
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

I

A immagginasse Roma anticamente,
pe’ quanto faccia, un omo se confonne:
ched’era(1) Roma? un bosco de colonne,
una città de marmo arilucente.

Le chiese nun ce staveno pe’ gnente,
nun c’ereno né Cristi e né Madonne,
perché de queli tempi, ommini e donne,
ciaveveno una fede diferente.

E lo sai chi pregaveno? Giunone,
Nettuno, Apollo, Venere, Minerva,
Marte, Vurcano, Cerere, Prutone…

E a capo a tutti quanti c’era Giove,
er solo Dio ch’adesso se conserva
perché se chiama Pluvio quanno piove.

II

E Giove, che ciaveva ne le mano
tutta l’azzienna elettrica celeste,
viveva fra le nuvole e da queste
furminava la gente da lontano.

D’accordo co’ Nettuno e co’ Vurcano
faceva l’uragani e le tempeste
pe’ sconocchià(2) li boschi e le foreste
e spaccà le montagne a tutto spiano(3).

Se sa: so’ tutte pappole(4) ch’ormai
fanno ride li polli; ma l’antichi
se l’ereno bevute(5) bene assai.

Questo vô di’ che l’ommini so’ pronti
a crede a tutto quello che je dichi
e a qualunque fregnaccia j’aricconti.

III

Eppuro, ‘sti pagani babbalei(6),
faceveno le cose co’ decoro
perché hanno scritto fra le stelle d’oro,
in mezzo ar celo(7), er nome de li dei!

E li tempî? e li fori? e li musei?
So’ pieni zeppi de ricordi loro:
guarda l’Apollo(8), che capolavoro!
Venere sola, basterebbe lei!

La più benfatta, quella de Cirene(9),
pare che ciabbia un’anima e je senti
er sangue friccicà(10) drent’a le vene.

Nun cià testa, ma pensa: e forse spera
de capì mejo tanti cambiamenti
ch’ha fatto l’omo pe’ resta com’era.

(Da: Libro n. 9, 1929)

(1) Che cos’era.
(2) Per sconquassare.
(3) Senza riposo.
(4) Favole.
(5) Le avevano credute.
(6) Babbei.
(7) Nelle costellazioni.
(8) Di Belvedere, nel Museo vaticano.
(9) Nel Museo Nazionale alle Terme di Diocleziano.
(10) Bollire.

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

0 risposte a “Giove”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *