Marzo

Marzo
(
Giorgio Caproni Livorno 7/1/1912 – Roma 22/1/1990)

Dopo la pioggia la terra
è un frutto appena sbucciato.

Il fiato del fieno bagnato
è più acre – ma ride il sole
bianco sui prati di marzo
a una fanciulla che apre la finestra.

Dello stesso autore: AlbaCongedo del viaggiatore cerimoniosoFurtoIl mare brucia le maschere…IncontroLitanìaLo stravoltoMio nome avvicinatiPensiero pioPer leiPreghieraPreghiera d’esortazione o di incoraggiamentoSei ricordo d’estateSotto le stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti