L’amore de li morti

L’amore de li morti
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

A sto paese tutti li penzieri,
tutte le lòro carità ccristiane
sò ppe li morti; e appena more un cane
je se smoveno tutti li bbraghieri.(1)

E ccataletti, e mmoccoli, e incenzieri,
e asperge, e uffizzi, e mmusiche, e ccampane,
e mmesse, e ccatafarchi, e bbonemane,(2)
e indurgenze, e ppitaffi, e ccimiteri!…

E intanto pe li vivi, poveretti!,
gabbelle, ghijjottine, passaporti,
mano-reggie, galerre e ccavalletti.

E li vivi poi-poi,(3) bboni o ccattivi,
sò cquarche ccosa mejjo de li morti:
nun fuss’antro(4) pe cquesto che ssò vvivi.

Roma, 19 settembre 1835

1. Si mettono tosto in faccende.
2. Mance.
3. Alla fine de’ conti.
4. Non foss’altro.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr giorno der giudizzioL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti