L’istate

L’istate
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

’Na caliggine come in cuest’istate
nu la ricorda nemmanco mi’ nonno.
Tutt’er giorno se smania, e le nottate
beato lui chi rrequia e ppijja sonno!

L’erbe, in campaggna, pareno abbrusciate:
er fiume sta cche jje se vede er fonno:
le strade sò ffornasce spalancate;
e sse diría che vvadi a ffoco er Monno.

Nun trovi antro che ccani mascilenti
sdrajati in ’gni portone e ’ggni cortile,
co la lingua de fora da li denti.

Nun piove ppiú dda la mità dd’aprile:
nun rispireno ppiú mmanco li venti…
Ah! Iddio sce scampi dar calor frebbile!

Roma, 8 febbraio 1833

L’estate

Una caligine come in quest’estate
non la ricorda neanche mio nonno.
Tutto il giorno si smania, e di notte
beato chi ha requie e prende sonno!

Le erbe in campagna sembrano bruciate:
il Tevere è così povero d’acqua che gli si vede il fondo,
le strade sono fornaci spalancate,
e si direbbe che vada a fuoco il Mondo.

Non trovi altro che cani macilenti
sdraiati in ogni portone e cortile,
con la lingua fuori dai denti.

Non piove dalla metà di aprile,
non respirano più neanche i venti…
Ah Iddio ci scampi dal calor febbrile!

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr giorno der giudizzioLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti