Er primo amore

Er primo amore
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Fu un venerdì, pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaro der novantasei.
– No, Checchino, è impossibile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!

Nun se capimo più! – me disse lei –
Addio, Checchino… – E se n’agnede via.
Volevo dije: – Caterina mia,
viè qua, nun me lascià!… – Ma nun potei!

Tu nun me crederai: da quer momento
m’è arimasta una spina drento ar core:
è più d’un anno e ancora me la sento!

Ne la malinconia de li ricordi
naturarmente resta er primo amore…
Come diavolo vôi che me ne scordi?

(Da: Sonetti ripescati, 1922)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *