Il gelo

Il gelo
(Mario Luzi Firenze 20/10/1914 – Firenze 28/2/2005)

Il giorno schietto
d’inverno inasprisce le carraie,
aguzza il taglio della pietra,
sopra i poggi pelati
brucia i pochi fili d’erba.
Chi affastella legna, chi sciorina
panni s’affretta; sgretola la crosta
con le scarpe chiodate, con gli zoccoli,
spranga l’uscio di casa.
E’ un tempo che fa bruschi i conciliaboli,
ruvide le parole ed i commiati.
Antenne
e nervature d’alberi, di rovi
graffiano i venti del tramonto…

Dello stesso autore: 11 settembreAmantiGiocano al ribassoLa giovane ebrea al suo amato musulmanoMénageMoroMuore ignominiosamente la repubblicaSia dettoVersi d’ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti