Ossigeno

Ossigeno
(Ennio Cavalli n. a Forlì il 29/10/1947)

In principio l’atmosfera era un orcio
sigillato, regno dell’asfissia.
Sole e clorofilla aprirono un varco,
da allora l’ossigeno sfida gli abissi
con le sue bombole.
Che bruci un copertone o Roma antica
lui di sicuro è il mantice,
ventola di penne di cappone.
E’ lo schiaffo che ravviva il neonato,
la raffica di scuro sulla mela.
Argonauti e palombari
gli devono un rispetto sindacale,
oblò sulle correnti.
Al laccio di un fulmine diventa ozono,
scheggia di temporale.

Dello stesso autore: DopoguerraUn bacio sul collo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *