Chemin de fer

Chemin de fer
(Elizabeth Bishop Worcester, Massachusetts, USA 8/2/1911 – Boston, Massachusetts, USA 6/10/1979 – Premio Pulitzer per la poesia 1956)

Da sola lungo i binari
           camminavo col cuore in tumulto.
Le traverse erano troppo vicine
           o forse troppo lontane tra loro.
Un povero scenario: cespugli
           di pini e di querce; al di là
delle foglie verdi e grigie
           vidi il piccolo stagno
dove vive lo sporco eremita,
           stendersi come un’antica
lacrima che si tiene strette
           di anno in anno lucidamente le ferite.
L’eremita scaricò il suo fucile,
           tremò l’albero presso la capanna.
Sullo stagno passò un’increspatura.
           La gallinella cominciò a chiocciare.
"L’amore, lo si deve esercitare!"
           gridò il vecchio eremita.
Attraverso lo stagno l’eco
           cercava, cercava di confermare.

Della stessa autrice: InsonniaL’arte di perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti