Paesaggio

Paesaggio
(Sandro Penna Perugia 12/6/1906 – Roma 21/1/1977)

La mattina di ottobre è ancora buia.
Seduto sovra un muro, un giovanotto
negli occhi ha il sonno ancora. D’improvviso
s’alza, saluta, grida un nome e viene
a lui correndo un fanciulletto lacero.
Questi saluta a pugni amorosissimi,
tira quegli alla mano e vuol giostrarlo.
Indi abbracciati vanno verso il bosco
sepolto fra le case popolari.
Ne uscirono soltanto al mezzogiorno
quando il sole gagliardo avrà disperso
quell’umida amicizia mattinale.

Dello stesso autore: Era il settembreFavolaIl cielo è vuotoIl mio amoreLe stelle sono immobili nel cieloNell’alto arido eremoSe la notte d’estate…Se la vita sapesse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti