La conquista islamica

La conquista islamica
(Anonimo del VII/VIII secolo d.C.)

Distrutti sono i luoghi di preghiera,
i fuochi sono spenti.
I più grandi tra i grandi si sono nascosti.
Gli arabi crudeli abbattevano
i villaggi dei contadini fino a Sharazur.
Prendevano come schiave le loro mogli, le loro figlie.
Uomini valorosi si rotolavano nel sangue.
I riti di Zarathustra non si compiono più.
Ahura Mazda, non ha pietà di noi.

Frammento scritto su un pezzo di cuoio, trovato in una grotta di Sharazur, segnalato da Alauddin Sajadi nel 1952

(Da: Canti d’amore e di libertà del popolo kurdo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti