A sud del grande mare

A sud del grande mare
(Anonimo del I secolo d.C.)

L’amore mio dimora
A Sud del grande mare.
Che gli posso mandare
In guisa di saluto?
Due perle e un pettine di tartaruga,
Glieli voglio mandare dentro un astuccio di giada.

Ma mi hanno detto che non è fedele;
Mi han detto che ha scagliato
In terra il mio regalo.
Che l’ha scagliato in terra e l’ha bruciato
E ha disperso la cenere nel vento.
Da oggi in poi fino alla fin dei tempi
Non dovrò più pensare a lui,
Mai più mai più pensare a lui.
I galli cantano,
I cani abbaiano;
Mio fratello e mia moglie fra poco lo sapranno.
Soffia il vento d’autunno,
Sospira il vento dell’alba.
Tra un momento a Levante
Uscirà fuori il sole
E quello pure, allora, lo saprà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *