C’è una nuova legge in Uganda

 X Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia

C’è una nuova legge in Uganda
(Roberto Malini n. a Milano il 27/5/1959)

C’è una nuova legge in Uganda,
approvata dal parlamento
e firmata dal presidente.

È nera come la tomba,
è gialla come la febbre,
è rossa come il sangue.

Ordina alle stelle di spegnersi
e agli uccelli della foresta
di non cantare più.

Impone ai tramonti
di non dipingere più il cielo di rosso,
al sole giallo che sale
sul Ruwenzori
di cambiare colore
e alle notti di non indossare più
la veste nera.

C’è una nuova legge in Uganda,
approvata dal parlamento
e firmata il presidente.

È nera come la tomba,
è gialla come la febbre,
è rossa come il sangue.

È una legge che intima alla vita
di diventare sabbia,
alla speranza di diventare pietra
e all’amore di diventare paura.

“C’è una nuova legge in Uganda”
scrive il tramonto con inchiostro rosso
e la notte ammantata di nero
legge quelle parole agli amanti,
che le ascoltano
e si stringono ancora più forte
perché ogni attimo d’amore
ha tutti i colori del mondo.

“È nera come la tomba,
è gialla come la febbre,
è rossa come il sangue”
cantano gli uccelli della foresta,
mentre le stelle,
sempre accese,
li ascoltano.

E il sole giallo sale sul Ruwenzori
e la vita non si perde
nel vento come sabbia
e la speranza non si cristallizza
e l’amore non trema.

Perché nelle notti oscure
e in quelle stellate,
sotto il sole giallo
o nei tramonti rossi come il fuoco,
ogni cosa ha il suo destino
e ogni attimo d’amore
ha tutti i colori del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *