Sonetto XXIX

450 ANNI DALLA NASCITA DI WILLIAM SHAKESPEARE 

Sonetto XXIX
(William Shakespeare Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1564 – Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1616)

Talora, venuto in odio alla Fortuna e agli uomini,
Io piango solitario sul mio triste abbandono,
E turbo il cielo sordo con le mie grida inani,
E contemplo me stesso, e maledico la sorte,

Agognandomi simile a tale più ricco di speranze,
Di più belle fattezze, di numerosi amici,
Invidiando l’ingegno di questi, il potere di un altro,
Di quel che meglio è mio maggiormente scontento;

Ma ecco che in tali pensieri quasi spregiando me stesso,
La tua immagine appare, e allora muto stato,
E quale lodola, al romper del giorno, si innalza

Dalla terra cupa, lancio inni alle soglie del cielo:
Poiché il ricordo del dolce tuo amore porta seco
Tali ricchezze, che non vorrei scambiarle con un regno

Dello stesso autore: Sonetto XVIIISonetto XXIVSonetto XXVIISonetto LXIISonetto LXXSonetto XCIISonetto CXVISonetto CXLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *