La morte per acqua

La morte per acqua
(Thomas Stearns Eliot Saint Louis, Usa 26/9/1888 – Londra, Regno Unito 4/1/1965 – Premio Nobel per la letteratura 1948)

Fleba il Fenicio, morto da quindici giorni,
dimenticò il grido dei gabbiani, e il flutto profondo del mare
e il guadagno e la perdita.
Una corrente sottomarina
gli spolpò le ossa in sussurri. Mentre affiorava e affondava
traversò gli stadi di maturità e gioventù
entrambi nei gorghi.
Gentile o Giudeo
o tu che giri la ruota e guardi nella direzione del vento
pensa a Fleba, che un tempo è stato bello e ben fatto al pari tuo.

Dello stesso autore: Aprile è il mese più crudeleLa coltura degli alberi di NataleNoi non sappiamo molto del futuro…Una dedica a mia moglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *