L’incanto

L’incanto
(Pier Paolo Pasolini Bologna 5/3/1922 – Ostia, Roma 2/11/1975)

La condanna pronunciata
contro di me nel ventre
della madre ingenua – mentre
al mondo era in fiore – suona
senza più darmi stupore.
Conto gli anni, i giorni, le ore
di un tempo che mi abbandona
senza che mai si disperda
L’incanto, l’atroce incanto.
Resta sempre al mio fianco
la morte, mentre io ancor verde
della recente nascita,
non entro nel tempo vero.
Nella mente un solo pensiero,
uno solo, che non la lascia
mai incustodita: esploro, cado
nell’ombra del mio destino,
sempre più in basso, fino
al disonore, e non mi persuado
di peccare di troppo amore…

Dello stesso autore: Ad un PapaAlla bandiera rossaAlla mia nazioneE intanto era aprileIo soLa Resistenza e la sua luceLo scandalo del contraddirmi…ProfeziaSupplica a mia madre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *