Sia detto

  27/5/1993 – 20º Anniversario della Strage di Via dei Georgofili

Sia detto
(Mario Luzi Firenze 20/10/1914 – Firenze 28/2/2005)

Sia detta per te, Firenze,
questa nuda implorazione.
Si levi sui tuoi morti,
sulle tue molte macerie,
sui tuoi molti
visibili e invisibili tesori
lesi nella materia,
offesi nell’essenza,
sulle tue umili miserie,
ferma, questa preghiera.
I santi della tua storia
e gli altri, tutti,
della innumerabile corona
la portino in alto,
le soffino spirito e potenza,
ne cingano d’assedio
le stelle, i cieli,
le superne stanze:
"Giustizia non ti negare
al desiderio degli uomini,
scendi in campo, abbi la tua vittoria!"
Sia detta a te, Firenze,
questa amara devozione:
città colpita al cuore,
straziata, non uccisa,
unanime nell’ira,
siilo nella preghiera.
Vollero accecarti, essi,
della luce che promani,
illumina tu, allora,
col fulgore della collera
e col fuoco della pena
loro, i tuoi bui carnefici,
perforali nella tenebra
della loro intelligenza, scavali
nel macigno del loro nero cuore.
Sii, tra grazia e sofferenza,
grande ancora una volta,
sii splendida, dura
eppure sacrificale.
Ti soccorra la tua pietà antica,
ti sorregga una fierezza nuova.
Sii prudente, sii audace.
Pace, pace, pace.

Dello stesso autore: Giocano al ribassoLa giovane ebrea al suo amato musulmanoMénageMoroMuore ignominiosamente la repubblicaVersi d’ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti