Volto di donna

Volto di donna (Adonis n. a Latakia, Siria il 1/1/1930) Ho abitato il volto di una donna che abita in un’onda sospinta dall’alta marea verso la spiaggia, il cui approdo è smarrito tra le conchiglie. Ho abitato il volto di una donna che mi fa morire, che desidera rimanere nel mio sangue che naviga sino […]

Sonetto XCII

Sonetto XCII (William Shakespeare Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1564 – Stratford-upon-Avon, Regno Unito 23/4/1616) Fa pure del tuo peggio per sfuggirmi, tu in me vivrai per tutta la vita e vita non durerà più a lungo del tuo amore, perché sol da questo affetto essa dipende. Quindi temer non devo il peggior dei torti quando nel […]

Tutto può accadere

Tutto può accadere (Séamus Heaney n. a Castledawson, Irlanda il 13/4/1939 – Premio Nobel per la letteratura 1995) Tutto può accadere. Sai come Giove solitamente aspetta che le nuvole s’addensino prima di scagliare il fulmine? Beh, or ora ha fatto galoppare carro e cavalli del tuono attraverso un terso cielo azzurro. Ha scosso la terra […]

L’approdo

L’approdo (Primo Levi Torino 31/7/1919 – Torino 11/4/1987) Felice l’uomo che ha raggiunto il porto, Che lascia dietro di sè mari e tempeste, I cui sogni sono morti o mai nati, E siede a bere all’osteria di Brema, Presso al camino, ed ha buona pace. Felice l’uomo come una fiamma spenta, Felice l’uomo come sabbia […]

Sull’amicizia

Sull’amicizia (Khalil Gibran Bsharri, Libano 6/1/1883 – New York, USA 10/4/1931) E un adolescente disse: Parlaci dell’Amicizia. E lui rispose dicendo: Il vostro amico è il vostro bisogno saziato. E’ il campo che seminate con amore e mietete con riconoscenza. E’ la vostra mensa e il vostro focolare. Poiché, affamati, vi rifugiate in lui e […]

Il figlio

Il figlio (Pablo Neruda Parral, Cile 12/7/1904 – Santiago, Cile 23/9/1973 – Premio Nobel per la letteratura 1971) Sai da dove vieni? … vicino all’acqua d’inverno io e lei sollevammo un rosso fuoco consumandoci le labbra baciandoci l’anima, gettando al fuoco tutto, bruciandoci la vita. Così venisti al mondo. Ma lei per vedermi e per […]

Nell’alto arido eremo

Nell’alto arido eremo (Sandro Penna Perugia 12/6/1906 – Roma 21/1/1977) Nell’alto arido eremo salmastri venti a ridarmi dolore di luce. (E la notte di aprile chiari astri …e nuovi cuori sempre riconduce…) Vanamente rivivo in questi cuori: oh assorte lontananze. È più vivo distacco Amor che la confusa Morte. Dello stesso autore: Il mio amore […]

E intanto era aprile

E intanto era aprile (Pier Paolo Pasolini Bologna 5/3/1922 – Ostia, Roma 2/11/1975) E intanto era aprile, e il glicine era qui, a rifiorire. Prepotente, feroce rinasci, e di colpo, in una notte, copri un’intera parete appena alzata, il muro principesco di un’ocra screpolato al nuovo sole che lo cuoce. E basti tu, col tuo […]

Vai alla barra degli strumenti